Il Bando 2019

Adempimenti e Scadenze Bando 2019

 

SCARICA IL BANDO


A chi è rivolto  il bando?

Il bando è rivolto a studenti che all’atto di presentazione della domanda frequentano il secondo, terzo, quarto o il quinto anno della scuola superiore, che al 30/6/2019 abbiano un’età compresa fra i 16 e i 23 anni e che siano titolari di una certificazione di conoscenza della lingua straniera oggetto del corso di livello minimo B1(rilasciata dai competenti enti certificatori riconosciuti).

Qual’ è la finalità del concorso?

Il concorso è finalizzato ad offrire un contributo, a parziale copertura delle spese per frequentare all’estero un corso della lingua ufficiale del paese ospitante, finalizzato ad ottenere la certificazione di livello B2, C1, C2 secondo il Quadro Europeo di riferimento (CEFR), rilasciato dai competenti Enti certificatori.

Quanti sono i contributi offerti da INPS?

L’Inps riconosce un totale di 1.170 contributi così suddivisi:

  • 1.100 contributi riservati alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali/Gestione dipendenti pubblici
  • 70 contributi  riservati alla Gestione Fondo IPOST

Qual è l’importo massimo di ciascun contributo?

L’importo massimo di ciascun contributo è pari a complessivi €3.900 così articolati:

  • fino ad un massimo di € 300 a settimana per il costo del corso di lingua compreso l’esame finale;
  • fino ad un massimo di € 400 a settimana per vitto e alloggio;
  • fino ad un massimo di €400 una tantum per il viaggio.

Come viene calcolato l’importo del contributo erogabile in favore di ciascun avente diritto?

Il valore del contributo erogabile in favore del relativo beneficiario è determinato in misura percentuale sull’importo più basso tra il contributo massimo erogabile per il corso di lingua, sistemazione e il viaggio e, rispettivamente, il costo documentato del corso di lingua, la spesa documentata per la sistemazione  e le spese documentate di viaggio, in relazione al valore ISEE del nucleo familiare di appartenenza, come  individuato in base ai criteri indicati all’art.10, commi 1 e 2.

Come deve essere strutturato il programma?

Il corso deve avere durata minima di 3 e massima di 5 settimane, prevedere la frequenza obbligatoria per almeno 20 ore settimanali e svolgersi nel paese straniero in cui la lingua ufficiale è quella oggetto del corso, nel periodo compreso tra giugno e il 6 settembre 2019.

Quali sono gli adempimenti  del richiedente per partecipare al concorso?

Presentare la domanda a INPS per via telematica a decorrere dalle ore 12:00 del 31/01/2019 e non oltre le ore 12:00 del 28/02/2019 avendo cura di seguire attentamente termini e modalità  del Bando di concorso, articoli 4-5-6.

Qual è il termine per conseguire la certificazione?

L’esame per conseguire la certificazione dovrà essere sostenuto entro il 20 Dicembre 2019.

Quando saranno pubblicate le graduatorie?

INPS pubblicherà le graduatorie entro il 04/04/2019.

È previsto un ripescaggio?

INPS procederà ad un primo scorrimento delle graduatorie entro il 14/05/2019 e, a seguito di eventuali rinunce dal primo scorrimento, INPS procederà a un ulteriore scorrimento entro il 03/06/2019.

Sono previste  incompatibilità con altri benefici erogati da INPS?

Il beneficio del presente bando è incompatibile con quello attribuito da:

  • Programma ITACA per l’anno scolastico 2018/2019 e 2019/2020

  • con i benefici del Bando Estate INPSieme all'estero 2019

  • con il bando INPS "Borse di Studio Corso di Lingua in Italia 2019/2020"

Cosa succede in caso di mancata produzione della documentazione, mancata partenza o rientro anticipato?

Il Bando INPS prevede che in caso di mancata produzione della documentazione di cui all’art. 10 comma 5, entro il termine del 23 dicembre 2019, nonché in caso di mancata partenza o di rientro anticipato, o di mancato sostenimento dell'esame, il richiedente la prestazione è tenuto alla restituzione dell’importo erogato in acconto e non si procederà alla erogazione del saldo.

In caso di mancata partenza o rientro anticipato (prima della metà del corso) per gravi motivi, opportunamente documentati, quali il decesso di un parente entro il II grado del beneficiario, patologie intervenute successivamente alla domanda, che compromettono la possibilità di accesso alla prestazione o di prosecuzione del corso di lingua da parte del beneficiario ovvero patologie gravi, intervenute successivamente alla presentazione della domanda, di un parente entro il II grado del beneficiario, eventi politico-sociali, calamità naturali, emergenze sanitarie, attestate da provvedimenti delle Autorità competenti, non si procederà al recupero dell’acconto nei confronti del richiedente la prestazione nei limiti della spesa effettivamente sostenuta e documentata dal richiedente la prestazione.

Pertanto, dopo aver ricevuto conferma di prenotazione da parte di inter-studioviaggi, in caso di mancata partenza o rientro anticipato del partecipante per motivi diversi da quelli previsti dal comma 2 art. 12 del bando di concorso, così come nel caso di omessa o non corretta produzione della documentazione, il richiedente la prestazione sarà tenuto a corrispondere a inter•studioviaggi le seguenti penalità:

Penalità (vedi articolo 10 Recesso del Consumatore)

  • 10% sino a 30 giorni lavorativi prima della partenza
  • 30% sino a 21 giorni lavorativi prima della partenza
  • 50% sino a 11 giorni lavorativi prima della partenza
  • 75% sino a 3 giorni lavorativi prima della partenza

N.B. nessun rimborso dopo tali termini o in caso di mancata presentazione alla partenza, inesattezza della documentazione personale di espatrio o rinuncia in corso di viaggio. Nel conteggio dei giorni, per determinare l’eventuale penalità, si parte dal giorno successivo all’arrivo della rinuncia e sono da escludere i sabati, le domeniche e i giorni festivi. L’annullamento dovrà pervenire per iscritto.


È necessario un visto per il programma negli USA?

Gli studenti che partecipano ad un programma linguistico di durata inferiore alle 18 ore settimanali possono entrare negli USA con un visto turistico (ESTA) ottenuto lettronicamente al costo di $14. Invece, per frequentare programmi di durata superiore, la legge americana consente l’ingresso nel Paese solo se in possesso di un visto studenti secondo le modalità illustrate sul sito dell’Immigration and Customs Enforcement e di seguito riassunte: 

Prima di poter fare domanda di visto per studio è necessario fare richiesta di iscrizione ed essere accettato da una scuola riconosciuta dal SEVP (Student and Exchange Visitor Program )Nel momento in cui lo studente viene accettato dalla scuola americana che intende frequentare, questi verrà iscritto nel sistema SEVIS (Student and Exchange Visitor Information System) e sarà tenuto a versare una tassa, almeno tre giorni prima della data prevista per il colloquio consolare. La scuola americana provvederà a generare i moduli per il richiedente, da presentare in originale al colloquio presoo il Consolato di pertinenza.

Il percorso della pratica di visto prevede:

  1. Completare il modulo DS-160 online, accessibile al link https://ceac.state.gov/genniv/ e stampare la pagina di conferma;
  2. Registrarsi al sito: https://usvisa-info.com ;
  3. Pagare la tariffa consolare non rimborsabile (MRV) online; ($160)
  4. Prenotare un appuntamento per un colloquio presso una sede consolare USA;
  5. Presentarsi al colloquio con la documentazione necessaria;
    • Pagina di conferma del modulo DS-160;
    • Passaporto in corso di validità;
    • Una foto tessera (secondo precisi requisiti);
    • Modulo I-20 rilasciato dalla scuola, debitamente compilato, datato e firmato;
    • Ricevuta del pagamento SEVIS;($200)
    • Soddisfacente documentazione finanziaria redatta in lingua inglese che dimostri la disponibilità economica a sostenere le spese di studio e soggiorno durante l’intero periodo di studio negli Stati Uniti (saranno prese in considerazione anche buste paga, modello unico delle tasse, estratto conto bancario, del richiedente o dei propri genitori);
    • Documentazione relativa alla propria situazione sociale e familiare in Italia. Questa documentazione può comprendere: permesso di soggiorno in originale (per stranieri), certificati di residenza, stato di famiglia, matrimonio, contratto di compravendita o di locazione di immobile, etc.
  6. In caso di approvazione, il visto viene generalmente emesso entro due o tre giorni lavorativi ed il passaporto viene inoltrato alla DHL. Dopo ulteriori tre giorni lavorativi, il passaporto sarà disponibile per il ritiro presso la sede DHL selezionata in fase di richiesta dell’appuntamento (quindi normalmente cinque giorni lavorativi dopo il colloquio). In caso di consegna a domicilio i tempi possono allungarsi di alcuni giorni;
  7. Il richiedente viene informato direttamente dalla DHL circa i tempi di consegna, tramite una e-mail con le istruzioni per il ritiro;
  8. Se il visto non viene approvato, il passaporto viene restituito al termine del colloquio con il funzionario consolare insieme ad una lettera che spiega i motivi del diniego del visto.

Ricordiamo che:

  • il rilascio dell’I20 da parte delle scuola richiede in genere un paio di settimane;
  • in Italia gli uffici consolari sono a Milano, Roma, Firenze e Napoli e servono tutta Italia. Per tale ragione i tempi di attesa per gli appuntamenti con i rappresentanti consolari sono spesso molto lunghi, specie dalla primavera in avanti.

Per tali ragioni consigliamo di effettuare le prenotazioni con la massima sollecitudine prevedendo un periodo di 6/8 settimane per il rilascio della documentazione necessaria.