Sicilia: Palermo, Monreale, Segesta, Erice, Selinunte, Agrigento, Piazza Armerina, Siracusa, Etna, Catania

Aereo / Pullman 6 giorni

Già nota come Sicania; ribattezzata dai Greci Trinacria per la sua forma triangolare e infine Sicilia, dalla radice indogermanica sik, che la qualifica come terra della fecondità. Fu una gloriosa provincia dell’arte greca, lo testimonia il prezioso patrimonio dei musei di Palermo, Agrigento, Gela e Siracusa. Questa fiorente civiltà ha lasciato i propri segni anche in grandiosi complessi archeologici quali: il Teatro Greco, il Tempio di Atena o le rovine di Akrai e di Eraclea Minoa. Certamente di pari importanza sono le testimonianze romane, dall’Anfiteatro di Siracusa al Teatro di Taormina fino ai meravigliosi mosaici della Villa Romana di Piazza Armerina. Il suo mare e tutta la vegetazione fanno da magnifica cornice a queste bellezze artistiche.

6gg Aereo e PullmanPrimo giorno - Ritrovo in aeroporto, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza per Palermo. Trasferimento con pullman privato in hotel nei dintorni di Palermo e sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.


Secondo giorno - Prima colazione e visita di Segesta, Erice e Selinunte.

SEGESTA: Secondo la leggenda fu fondata da Aceste, figlio della nobile troiana Egesta e del Dio Fluviale Crimiso, che ne fu il primo Re. Oggi disabitata, conserva monumenti di particolare bellezza quali: il Tempio, in stile dorico e il Teatro scavato nella roccia della collina.

ERICE: Fondata dagli esuli Troiani, fu contesa dai Siracusani e Cartaginesi fino alla conquista da parte dei romani nel 244 a.C. Il Borgo, con la sua cinta fortificata e le strade accuratamente selciate sorge dove anticamente dominava il Tempio della Dea più famosa: Venere Afrodite.

SELINUNTE: Era un’antica città greca. Il Parco Archeologico di Selinunte, considerato oggi il più ampio e imponente d’Europa è costituito da 5 Templi costruiti intorno ad un’acropoli. I resti di Selinunte sono divisibili in tre aree principali: l’Acropoli, la Collina Orientale e il Santuario di Demetra Malophoros. Cena e pernottamento nei dintorni di Palermo.


Terzo Giorno - Prima colazione e visita di Monreale.

MONREALE: Conosciuta nel mondo soprattutto per il suo splendido Duomo morescobizantino del XII secolo. Costruito per volontà di Guglielmo II, tra il 1172 e il 1176, il suo stile oggi è apprezzato in tutto il mondo perché è composito. Si uniscono stili differenti che rimandano all’architettura dell’Europa del Nord e all’arte araba. Proseguimento per Agrigento, città fondata nel 581 a.C., soprannominata da Pindaro “la più bella città dei mortali” come testimonia la meravigliosa Valle dei Templi. Tutta la sua area archeologica è inserita nei Beni Protetti del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Il suo centro storico sulla collina dell’antica Girgenti , risale all’età medioevale e conserva ancora oggi edifici medioevali quali: Chiese, Monasteri, Conventi e Palazzi Nobiliari che fecero della città di Girgenti una perla del medioevo. Al termine sistemazione in hotel ad Agrigento o dintorni, cena e pernottamento.


Quarto giorno - Prima colazione e visita della Valle dei Templi e Piazza Armerina.

VALLE DEI TEMPLI: Sito archeologico risalente al periodo della Magna Grecia, caratterizzato dai resti di ben sette templi in stile dorico.

  • Il Tempio di Giunone - dedicato all’omonima Dea greca e luogo dove si celebravano le nozze, fu eretto dai Cartaginesi nel 406.
  • Il Tempio della Concordia - il suo nome deriva da una incisione latina ritrovata nelle vicinanze dello stesso, è stato costruito nel V secolo ed è il meglio conservato.
  • Il Tempio di Ercole - il più antico, dedicato alla venerazione del Dio Eracle (Ercole). Distrutto da un terremoto, oggi è formato solo da otto colonne.
  • Il Tempio di Zeus Olimpico (Giove) - edificato per onorare l’omonimo dio, dopo la vittoria del 480 a.C. sui cartaginesi, è caratterizzato dalla presenza dei cosiddetti talamoni, statue di notevoli dimensioni con sembianze umane.
  • Il Tempio dei Dioscuri - (o di Castore e Polluce), edificato per onorare i due gemelli figli di Sparta e Giove. Restano solo quattro colonne ed è il simbolo della città di Agrigento.
  • Il Tempio di Vulcano - anch’esso risalente al V sec. a.C., che si pensa essere una delle costruzioni più imponenti della valle, è però uno dei templi più danneggiato dal tempo e dai fenomeni naturali.
  • Il Tempio di Esculapio - Costruito lontano dalle mura della città , era luogo di pellegrinaggio dei malati in cerca di guarigione. La Valle dei Templi ospita, inoltre, la Tomba di Terone, un monumento di tufo di notevoli dimensioni a forma di piramide, che si pensa essere eretto per ricordare i caduti della Seconda Guerra Punica. Tutta l’area archeologica è stata inserita nei Beni Protetti del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

PIAZZA ARMERINA: Famosa in tutto il mondo per i mosaici romani della Villa del Casale è una città che offre monumenti interessanti come: la Cattedrale dell’Assunta con la maestosa cupola, il Palazzo Capodorso del XVIII secolo, la chiesa di Fudrò e il convento dei Benedettini.

VILLA DEL CASALE: Benr Protetto del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, questa villa tardo-romana, sontuosa abitazione, conserva una spettacolare serie di mosaici di diversa fattura, in tutte le sale, vestiboli e corridoi della Residenza. Al termine sistemazione in hotel a Noto o dintorni, cena e pernottamento.


Quinto giorno - Prima colazione e visita di Siracusa.

SIRACUSA: Definita da Cicerone “la più grande e bella di tutte le città greche”, assieme alla necropoli rupestre di Pantalica è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. È formata da cinque grandi quartieri storici: Ortigia, Agradina, Neapoli, Tiche, Epipoli. La sua fama è legata alla storia greca e di quei tempi restano testimonianze come la Fonte Aretusa. Nella area archeologica si trovano il Teatro Greco, l’Orecchio di Dionigi, l’Ara di Lerone. La città era anticamente difesa da una cinta muraria che aveva il suo apice nel Castello di Eurialo, unico esempio di fortezza greca ancora intatta e mai espugnata. Possiede dei templi ancora parzialmente intatti, come il Tempio di Apollo, il più antico e il Tempio di Zeus, l’Anfiteatro, il Ginnasio e l’intricata rete di catacombe dell’epoca romana. Cena e pernottamento a Noto o dintorni, cena e pernottamento.


Sesto giorno - Prima colazione e visita dell’Etna.

ETNA: È il vulcano attivo più alto del Continente Europeo e uno dei maggiori al mondo. Le eruzioni della montagna, spesso drammatiche, l’hanno reso un argomento di grande interesse per la mitologia classica e le credenze popolari. L’eruzione più lunga a memoria storica è quella del Luglio 1614, fenomeno che durò ben dieci anni, ma nel 1669 avvenne quella più conosciuta e distruttiva. L’Etna è meta ininterrotta delle visite di turisti.

CATANIA: Città legata fortemente al vulcano Etna dal quale, si narra, nel corso dei secoli è stata distrutta ben 7 volte dalle sue eruzioni. I monumenti più importanti sono: il Teatro Romano del II secolo, l’Odeon del III sec., l’Anfiteatro, le Terme di epoca romana. Dell’epoca medioevale la Cattedrale di S.Agata, la Cappella Bonaiuto, la chiesa di S.Agata al carcere e il Castello Ursino. Un grande esempio di unità architettonica è la via Crociferi, contornata da chiese, monasteri e poche abitazioni, tipicamente ispirata al barocco siciliano. Al termine delle visite trasferimento all’aeroporto di Catania, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza.

Chi ha visto questo programma ha visto anche